Ricerca di parole chiave

Ricerca di parole chiave per SEO: la guida definitiva

Una strategia seo che miri a posizionare un sito web sui motori di ricerca, sicuramente ha bisogno di contenuti, il primo step è la ricerca di parole chiavi per la SEO. Prima di indicizzare un sito, una pagina o un articolo del tuo blog, è opportuno intuire quali sono i termini di ricerca da parte degli utenti che interrogano Google per ricercare informazioni. Dopo aver analizzato quali parole chiavi vengono digitate sul motore di ricerca, puoi iniziare a strutturare e scrivere contenuti per il tuo sito.

Che cos’è la ricerca per parole chiave?

La ricerca per parole chiave fa parte della SEO (ottimizzazione per i motori di ricerca). È il lavoro che qualcuno fa per trovare un ampio elenco di parole chiave per cui vorrebbe che un sito web si posizionasse.

Per ottenere un elenco di questo tipo, i proprietari di siti Web devono scavare nel pubblico e nei motori di ricerca desiderati. Quali termini di ricerca digitano le persone su Google quando cercano i loro prodotti, servizi, attività o tipo di organizzazione? E cosa si aspettano di trovare?

Con questo elenco, i proprietari di siti Web possono creare contenuti che attireranno più traffico di alta qualità sul loro sito. La ricerca delle parole chiave non è mai finita: ripeterla regolarmente è fondamentale per rimanere sempre aggiornati!

Perché la ricerca per parole chiave è importante?

Una corretta ricerca delle parole chiave è importante perché renderà chiari i termini di ricerca utilizzati dal tuo pubblico. Ci siamo imbattuti spesso in imprenditori che usavano un insieme di parole per descrivere i loro prodotti, mentre il loro pubblico di destinazione usava un insieme di parole completamente diverso. Di conseguenza, i potenziali clienti non sono riusciti a trovare quei siti Web, a causa di una mancata corrispondenza nell’uso delle parole.

Ad esempio, a volte, un reparto marketing decide di dare a un prodotto un nome non così comune. Questa può essere una decisione di marketing intelligente: le persone potrebbero ricordare il tuo prodotto più facilmente. Se affitti case vacanza invece di case vacanza, potresti distinguerti. Ma attenzione: pochissime persone cercano [case vacanza]. Se ottimizzi il tuo testo per questo termine, probabilmente ti classificherai bene su questo termine specifico. Tuttavia, non genererai molto traffico con questo termine e perderai gran parte del tuo pubblico potenziale perché usano altre parole.

Probabilmente capirai che non ha senso ottimizzare per le parole che le persone non usano. Un’approfondita ricerca di parole chiave ti assicura di utilizzare le stesse parole del tuo pubblico di destinazione e questo rende l’intero sforzo di ottimizzare il tuo sito Web molto più utile. Inoltre, esaminando l’ intento di ricerca , scopri esattamente cosa sta cercando il tuo pubblico. Queste domande dovrebbero ottenere una risposta sotto forma di contenuti di qualità.

Concetti essenziali della ricerca di parole chiave

Prima di passare alla ricerca per parole chiave, ne spiegheremo brevemente alcuni concetti essenziali:

Una parola chiave o una frase chiave focus è la parola o la frase per cui vuoi che una determinata pagina del tuo sito venga trovata in Google. Determinate la vostra serie di frasi chiave di interesse eseguendo ricerche per parole chiave.

Le parole chiave a coda lunga sono più specifiche e meno comunemente cercate rispetto alle cosiddette parole chiave head. Si concentrano su una nicchia. Più i termini di ricerca sono lunghi e specifici, più facile sarà classificarli poiché ci sarà meno concorrenza. Anche se ci sono meno persone che cercano questi termini, potrebbero essere più motivate ad acquistare, abbonarsi, iscriversi o qualunque cosa tu voglia che facciano.

La tua strategia per le parole chiave riguarda le decisioni che prendi in base alla tua ricerca di parole chiave. Ad esempio, quale contenuto creerai per primo? Ti concentrerai sulla testa o sulla coda? Come e dove lo pubblicherai? Creerai uno scritto, un post o una pagina di prodotto, un video tutorial o un’infografica?

Scavare nell’intento di ricerca è la chiave qui: devi scoprire cosa vuole o di cui ha bisogno un ricercatore. Non stai solo guardando le parole chiave, ma gli obiettivi alla base di ciò che un utente vuole sapere, fare o acquistare. Il tuo contenuto dovrebbe fornire una soluzione al “problema” del ricercatore. Questo è anche noto come design del contenuto.

Come viene eseguita la ricerca per parole chiave?

Riteniamo che ci siano 8 passaggi cruciali durante la ricerca delle parole chiave. Qui, ti guideremo attraverso questo processo passo dopo passo e ti daremo consigli pratici per iniziare la tua ricerca di parole chiave:

Determina la tua nicchia

Prima di iniziare qualsiasi cosa, pensa alla tua missione. Rifletti su domande come: qual è l’obiettivo principale della tua azienda o organizzazione? Cosa lo rende speciale? Chi stai esattamente cercando di raggiungere? E quali promesse fai sul tuo sito web? Prenditi il ​​tuo tempo e scrivi letteralmente la tua missione. Una volta che sarai in grado di rispondere in dettaglio a queste domande, avrai compiuto il primo e più importante passo nella tua strategia per le parole chiave.

Il mercato in cui ti trovi determina se la tua missione si dimostrerà abbastanza geniale da essere classificata in alto. Alcuni mercati sono altamente competitivi, con grandi aziende che dominano i risultati di ricerca. Queste aziende hanno budget enormi per il marketing in generale e la SEO in particolare. Competere in questi mercati è difficile, quindi anche il posizionamento in questi mercati sarà difficile.

Forse vendi crociere alle Hawaii. Offri ottimi servizi per i bambini, rendendo le crociere particolarmente adatte a giovani o genitori single. Offrire le migliori crociere alle Hawaii per giovani genitori potrebbe benissimo essere ciò che rende unico il tuo servizio. Quindi, cerca ciò che distingue il tuo prodotto dalla concorrenza. Questa dovrebbe essere la tua missione, la tua nicchia e questo è ciò che hai da offrire al tuo pubblico.

Se ti stai lanciando in un mercato competitivo, la soluzione migliore è iniziare in piccolo. Una volta che “possiedi” una piccola parte di quella nicchia e diventi un nome più grande nel settore delle crociere alle Hawaii, potresti provare a salire di livello e vendere le tue crociere a un pubblico più ampio (più generale). Anche la tua missione diventerà più generale.

Crea un elenco di parole chiave

Il secondo passaggio consiste nel creare un elenco delle tue parole chiave, preferibilmente in un foglio di calcolo, come Fogli Google o Excel. Con la tua missione in mente, cerca di entrare nella testa del tuo pubblico desiderato.

Cosa cercheranno queste persone? Che tipo di termini di ricerca potrebbero utilizzare mentre cercano il tuo fantastico servizio o prodotto? Quale dei loro “problemi” risolve il tuo prodotto? Annota quante più risposte possibili.

Se la tua missione è chiara, avrai un’immagine abbastanza chiara della tua nicchia e dei punti di vendita unici (le cose che distinguono la tua attività dagli altri). Questi sono i termini di ricerca per cui vuoi essere trovato.

Ricerca le tue parole chiave

Dopo aver creato questo primo elenco, è il momento di approfondire un po’ le parole chiave. Fortunatamente, ci sono alcuni strumenti che rendono un po’ più semplice la ricerca delle parole chiave.

Il primo è Google stesso. Cerca su Google le parole chiave che hai già trovato e controlla le ricerche che Google suggerisce durante la digitazione. Queste sono le domande che le persone hanno effettivamente posto a Google! Puoi anche controllare le “ricerche correlate” nella pagina dei risultati di Google. Dai anche un’occhiata al tool gratuito Google planner.

Articolo correlato: Come Usare Google Keyword Tool Di Google AdWords.

Questi strumenti ti forniranno tutti i tipi di variazioni delle tue frasi chiave, sinonimi e frasi chiave correlate. Dai un’occhiata e aggiungi tutte le frasi chiave pertinenti alla tua lista. Nel nostro post sugli strumenti di ricerca per parole chiave troverai maggiori dettagli su come utilizzare questi e altri strumenti.

Non dimenticare la coda lunga

Quando le persone iniziano con la ricerca di parole chiave, tendono a concentrarsi su termini “testa” molto popolari. Sfortunatamente, quelle parole chiave principali sono per lo più prese da grandi aziende. Le parole chiave a coda lunga , d’altra parte, ottengono meno traffico di ricerca, ma c’è anche meno concorrenza. Pertanto è più facile per te posizionarti su quelle parole chiave. Inoltre, le parole chiave a coda lunga hanno anche un valore di conversione più elevato, poiché si concentrano maggiormente su un prodotto o argomento specifico: una nicchia!

Una parola chiave a coda lunga spesso è più lunga e più mirata di un termine principale. Se il tuo termine principale è [addestramento dei cuccioli], una parola chiave a coda lunga potrebbe essere [addestramento positivo dei cuccioli per Labradoodles ad Amsterdam]. L’utilizzo degli strumenti menzionati nel passaggio 3 ti aiuterà anche a trovare più varianti a coda lunga delle tue parole chiave.

Non dimenticare di aggiungere anche le parole chiave a coda lunga al tuo foglio di calcolo. Metti i termini di testa nella prima colonna e aggiungi (più) colonne per le parole chiave a coda lunga. Questo ti aiuterà anche a creare una struttura del sito adeguata in seguito. Più lungo è il tuo termine di ricerca, più in basso nella struttura del tuo sito appartiene la sua pagina di destinazione.

Analizza la concorrenza

Se dovresti cercare parole chiave a coda lunga dipende in gran parte dalla concorrenza. Se la concorrenza nella tua nicchia è alta, avrai difficoltà a classificarti in termini di testa competitivi. Se hai poca concorrenza, sarai in grado di classificarti per più termini a capo. Quindi dovrai fare alcuni benchmark per la SEO .

Google le parole chiave che sono emerse dalla tua ricerca di parole chiave. Inizia con il termine più “capo”. Controlla la pagina dei risultati del motore di ricerca(SERP). Questi sono i siti Web con cui competerai una volta ottimizzato il contenuto per tale parola chiave. Dai un’occhiata più da vicino: vedi siti web professionali? Siti aziendali? Sei “uguale” a queste aziende? Il tuo sito web rientra tra questi siti? La tua azienda è di dimensioni simili e ha la stessa influenza nella tua nicchia?

È più difficile classificare quando competi contro siti con marchi forti. Se i marchi sono noti da spot televisivi o radiofonici, le tue possibilità di posizionarti in alto diventeranno ancora più piccole. Ma non farà male dare un’occhiata al loro contenuto. Il contenuto è ben scritto e ben ottimizzato? Se la tua concorrenza ha contenuti scadenti, potresti avere la possibilità di superarli!

Inoltre, dai un’occhiata agli annunci su Google. Ci sono? Se hai un account Google Ads puoi controllare il pay-per-click. I termini di ricerca che hanno un alto pay-per-click di solito sono anche più difficili da classificare nei risultati organici.

Assicurati di prendere appunti nel tuo foglio di lavoro sui risultati per le parole chiave che hai studiato!

Dai un’occhiata più da vicino all’intento di ricerca

Le strategie SEO odierne dovrebbero, per la maggior parte, ruotare attorno a rispondere alle domande che le persone hanno o fornire la migliore soluzione per il loro “problema”. Ogni volta che qualcuno inserisce una query di ricerca in un motore di ricerca, è alla ricerca di qualcosa. Ogni tipo di domanda ha bisogno di una risposta specifica.

Prova a scoprire quale intento è il tuo pubblico quando digita una determinata frase chiave su Google. Hanno un intento informativo (prova a trovare informazioni su un argomento specifico), intento di navigazione (vogliono accedere a un sito Web specifico), intento commerciale (vogliono ricercare qualcosa prima di acquistare) o intento transazionale (cercando di acquistare qualcosa in questo momento)?

Puoiscopri di più sull’intento di ricerca di determinate query esaminando attentamente il tipo di pagine che già si classificano per quella query. Vedi principalmente le pagine dei prodotti? O molti post di blog informativi? Vedi i video? O è un misto? Questi sono tutti suggerimenti su ciò che Google presume sia l’intento di ricerca di una determinata query. Questo post spiega come utilizzare i risultati della ricerca per creare ottimi contenuti che corrispondano al giusto intento.

Scopri quali tipi di intenti si applicano alle tue frasi chiave e, ancora una volta, aggiungi i risultati al tuo foglio di calcolo!

Determina una strategia per le parole chiave

Sulla base dei dati che hai raccolto ora, puoi determinare una strategia per le parole chiave. Se hai seguito i passaggi precedenti, dovresti avere un foglio di calcolo con una notevole quantità di frasi chiave e informazioni sulla concorrenza e l’intento di ricerca del tuo pubblico per quelle frasi chiave.

Ora pensa a questa domanda: come regge il mio sito Web rispetto ai siti Web nelle SERP? Hai le stesse dimensioni e budget di marketing: vai avanti e concentrati su quei termini principali. In caso contrario: prova prima con più parole chiave a coda lunga. Concentrarsi su un intero gruppo di parole chiave a coda lunga combinate potrebbe benissimo attirare molto traffico. Una volta che sei riuscito a classificare quelle parole chiave a coda lunga, puntare a più termini principali diventerà più facile.

Quando hai deciso da dove iniziare, pensa al tipo di contenuto: qual era l’intento di ricerca per le mie frasi chiave? Cosa sta cercando il mio pubblico? Ma anche, quali contenuti posso creare che non sono ancora disponibili e come posso distinguermi in termini di qualità o fornire soluzioni? Questo ti aiuterà a decidere il tipo di contenuto che creerai.

Inizia a costruire pagine di destinazione

In teoria, questo passaggio esula dall’ambito della ricerca per parole chiave stessa. Tuttavia, la creazione di fantastiche landing page è essenziale se vuoi ottenere traffico sul tuo sito web. Quindi, dovrai creare pagine di destinazione per i tuoi termini di ricerca, ma non devi creare tutte queste pagine immediatamente: può essere uno sforzo a lungo termine. La tua strategia per le parole chiave ti aiuterà a stabilire le priorità.

Per le tue frasi chiave più importanti creerai articoli di contenuto fondamentale; articoli che forniscono il miglior contenuto possibile su quella parola chiave: autorevole e onnicomprensivo. Tutti i tuoi articoli di supporto più lunghi si collegheranno a questo contenuto fondamentale.

Suggerimenti per la ricerca di parole chiave

Tutto questo potrebbe sembrare abbastanza semplice, ma sappiamo che è molto lavoro e più facile a dirsi che a farsi. Se messo in pratica, potresti imbatterti in alcuni problemi o domande comuni. Qui daremo alcuni suggerimenti per farlo funzionare!

Dai priorità al tuo elenco di parole chiave

Quante parole chiave dovresti avere? Bene, non possiamo dirti il ​​numero esatto di parole chiave che dovresti avere, ma possiamo dirti che te ne servono molte, quante ne puoi pensare. Tuttavia, più di 1000 parole chiave sono probabilmente troppe! Anche se sei un’impresa ragionevolmente piccola, probabilmente ti ritroverai con un paio di centinaia di parole chiave.

Ma non è necessario creare subito pagine per tutti questi elementi. Puoi aggiungere contenuto a poco a poco. Pensa a quali parole chiave vuoi classificare per ora, forse quelle più a coda lunga? – e quali non sono così importanti subito. Comprendi le tue priorità e pianifica la creazione dei tuoi contenuti.

Una frase chiave focus e i suoi sinonimi richiedono solo una pagina

In passato, ciascuna delle parole chiave per cui volevi essere trovato aveva la sua pagina di destinazione. Oggi, tuttavia, i motori di ricerca sono così intelligenti che utilizzano principalmente l’intento di ricerca per dare agli utenti la risposta migliore alle loro domande.

La pagina che risponde meglio a queste domande verrà classificata in cima. I motori di ricerca comprendono anche le sottili differenze tra le parole chiave in modo da non dover creare pagine di destinazione per tutte le sottili variazioni di una parola chiave, come i sinonimi.

Aggiungi frasi chiave correlate per aiutare Google a capire il tuo testo

Le frasi chiave correlate sono parole e concetti che approfondiscono e ampliano la comprensione della frase chiave principale. Aiutano persino Google a comprendere meglio l’argomento di cui stai parlando . Usando frasi chiave correlate nel tuo testo puoi dipingere un quadro completo della tua frase chiave principale nell’articolo che stai scrivendo.

Quindi, come trovare le frasi chiave correlate che ti aiuteranno a classificarti con la tua frase chiave di messa a fuoco? Potresti essere in grado di pensare ad alcune frasi chiave correlate, ma riteniamo che i dati corretti delle parole chiave siano la scommessa più sicura.

Controlla i risultati per parole chiave singolari e plurali

Dovresti puntare alla parola chiave singolare o plurale? Bene, questo dipende dalla query. Man mano che Google sta imparando di più sull’intento di ricerca della tua query, è in grado di indovinare meglio cosa stai cercando. Ad esempio, se cerchi libro , ottieni un risultato diverso rispetto a se cerchi libri . A quanto pare Google pensa che nel primo caso si cerchi una definizione, nel secondo caso crede che tu abbia intenzione di acquistare un libro. Quindi assicurati di sapere cosa offri sulla tua pagina e che si adatta alla query e ai risultati che Google fornisce su quella query.

Usa una frase chiave solo una volta

Attenzione, non dovresti usare la tua parola chiave con focus esatto più di una volta. Se lo fai, il tuo posizionamento potrebbe risentire della cannibalizzazione delle parole chiave. Google ha difficoltà a distinguere tra contenuti molto simili. Pertanto potrebbe classificare post o pagine molto simili più in basso.

Hai scoperto di aver già utilizzato parole chiave o frasi chiave uguali o molto simili su vari post e pagine? Quindi, probabilmente ha senso controllare i tuoi contenuti e forse unire/eliminare/reindirizzare alcuni di essi. Ecco una guida passo passo su come risolvere i problemi di cannibalizzazione delle parole chiave.

Ricerca rapida di parole chiave

In un mondo ideale, faresti la tua ricerca di parole chiave, creeresti una bella tabella Excel e creeresti landing page per ognuna. La struttura del tuo sito sarebbe impeccabile e bloggheresti e scriveresti ogni giorno facendo sì che il tuo sito si posizioni sempre più in alto su Google. Ma viviamo nel mondo reale.

Naturalmente, la tua ricerca di parole chiave non sarà sempre così ampia. E alcuni post o articoli non sono scritti come parte di una strategia fantastica, ma solo perché l’argomento era nelle notizie o qualcosa ti ha ispirato a scriverlo . È proprio così che funzionano queste cose. Ma questo non deve essere un problema.

Se stai scrivendo qualcosa che non si adatta esattamente alla tua strategia, questo non significa che non dovresti cercare di classificare quel contenuto. Puoi ancora usarlo per classificare qualcosa relativo ai termini nell’elenco della tua strategia di parole chiave. Utilizza gli strumenti menzionati nel passaggio 3 e Google Trends per verificare rapidamente quale parola chiave desideri classificare. Almeno, prenditi del tempo per pensare a come adattare il tuo articolo o blog alla tua strategia. Dopotutto, se stai scrivendo contenuti di valore, potresti anche farli classificare! Nel nostro articolo sulle parole chiave principali, troverai ulteriori suggerimenti su come eseguire la ricerca di parole chiave al volo.

Articolo correlato: Indicizzazione SEO.

Share your love

Leave a Reply