Cos’è un backlink

I backlink o BL o i collegamenti in entrata sono collegamenti ipertestuali posizionati su una pagina del sito Web A, che puntano a una pagina del sito Web B. In alcuni casi, i backlink propagheranno Google Juice dalla pagina A alla pagina B. La qualità e la quantità dei backlink che puntano al tuo sito web dovrebbero essere monitorate per aumentare la tua visibilità e visibilità.

In che modo i backlink influenzano la SEO?

Cos’è un Banckling? I backlink sono tutt’altro che estranei al vasto universo dei riferimenti naturali. Come ogni strumento può essere usato nel bene o nel male, così possono essere i link in entrata. Per vedere più chiaramente, ecco un articolo volto a darti il ​​vero quadro sull’influenza positiva e negativa che i backlink possono avere sulla SEO del tuo sito web.

Che cos’è un backlink?

Un collegamento a ritroso (link in entrata) indica il collegamento ipertestuale che un altro sito Web crea al tuo per utilizzare le informazioni che offri o parte di esse come supporto per il proprio contenuto.

Per SEO (Search Engine Optimization) si intende un insieme di tecniche implementate per ottenere un miglior posizionamento nei risultati di ricerca degli utenti Internet; La SEO viene anche chiamata referenziazione naturale. Per determinare il posizionamento di ciascun sito nella classifica, Google così come gli altri motori di ricerca utilizzeranno un elenco di criteri da cui verranno valutati i siti.

Tra i criteri utilizzati Questi includono la qualità del contenuto del sito, la frequenza con cui viene aggiornato, l’inclusione di parole chiave pertinenti, le immagini, la struttura del contenuto e molti altri. In questa lista c’è anche la presenza di backlink.

Prendendo questi criteri e utilizzandoli in un algoritmo, i motori di ricerca saranno in grado di posizionare il sito in relazione a ciò che è presente nell’intero web. Questo risultato è chiamato “punteggio di posizionamento”. Nota che il backlink è in effetti un fattore SEO off-site (al contrario del SEO on-site), perché esercita la sua influenza dall’esterno del sito web.

Possiamo quindi concludere questa breve contestualizzazione stabilendo il fatto che un backlink è uno dei fattori che influenzano notevolmente la referenziazione naturale di un sito. Ma la spiegazione non si ferma qui, perché è ancora necessario sapere in che modo avviene questa influenza.

I backlink e la loro influenza sulla SEO

Backlink di qualità per aumentare il traffico verso il tuo sito web.

Mentre un numero insufficiente di link può rivelarsi penalizzante per un sito web, gli esperti concordano sul fatto che il fattore determinante nella qualità della SEO non sia tanto il numero di link, ma la loro qualità.

Ma cosa intendiamo esattamente quando parliamo di link di qualità? Nello specifico ci riferiamo a link che provengono da siti che godono di una certa notorietà sul Web e le cui informazioni si vuole essere portabandiera sono affidabili e pertinenti.

Inoltre, affinché il collegamento sia considerato di qualità, deve anche essere legittimo. Più concretamente, ciò significa che il collegamento deve essere correlato al contenuto in cui si trova. A questo punto, diciamo che maggiore è il numero di link di qualità al tuo sito, più il tuo SEO ne trarrà beneficio.

Inutile dire che maggiore è il numero di link di qualità inviati a te, maggiore è il numero di utenti Internet che andranno al tuo sito. Poiché la popolarità di un sito rientra nell’elenco dei fattori che influenzano positivamente la SEO, è impossibile non evidenziare l’ovvio collegamento che unisce il link building, aumento del traffico e il concomitante miglioramento della referenziazione naturale.

In che modo i backlink possono influenzare negativamente la SEO?

Link artificiali penalizzati da Google.

Poiché qualsiasi cosa può essere utilizzata con l’intenzione sbagliata, alcuni proprietari di siti Web desiderosi di massimizzare il numero di collegamenti in entrata hanno implementato alcune pratiche disapprovate da Google per farlo. Il più noto di questi è sicuramente la creazione di collegamenti cosiddetti “artificiali”. Come suggerisce il nome, i collegamenti artificiali sono in realtà collegamenti che non sono stati ottenuti in modo naturale. Può significare diverse cose, può:

  • Sono stati scambiati con un altro;
  • Sono stati integrati in un sito per soldi;
  • Essere autog enerato, cioè proviene da una mailing list di link automatizzati;
  • Essere su un infomercial (forma di articolo promozionale), che lo rende considerato parte integrante di una strategia di ricerca a pagamento;
  • Essere il risultato di un’estensione (per WordPress per esempio). Poiché coloro che installano l’estensione si collegano automaticamente a te, troppi appariranno sospetti, quindi sono considerati artificiali.

Come accennato in precedenza, non farai amicizia con Google utilizzando strategie di collegamento artificiali e, del resto, non pensare che questo modo passerà sotto il radar. Infatti, Google ha impostato Penguin nel 2012, che è un aggiornamento del suo algoritmo volto a imporre una sanzione ai siti che utilizzano collegamenti artificiali nel tentativo di migliorare la loro referenziazione senza investire il tempo e gli sforzi necessari per farlo correttamente.

La pratica del SEO negativo

La SEO negativa è una pratica disonesta che può essere avviata da un sito concorrente per danneggiarti. L’idea è abbastanza semplice: i link al tuo sito web verranno inseriti su siti la cui qualità è piuttosto modesta (per essere educati) al fine di danneggiare il tuo SEO.

Per evitare di essere influenzato negativamente da questo antiestetico uso dei backlink, dovrai rinnegarli. Per scoprire come farlo, consultail nostro articoloa questo proposito. Tieni presente che puoi anche decidere di neutralizzare l’effetto negativo di un backlink di scarsa qualità chiedendo che il link diventi un nofollow , questo negherà il suo potere SEO e quindi la sua capacità di farti del male.

Share your love

Leave a Reply