Come migliorare il posizionamento su Google

Per migliorare il posizionamento del tuo sito web, non c'è altra scelta che passare attraverso il posizionamento organico (SEO). Probabilmente sai già che devi aggiungere parole chiave alle pagine per le quali desideri posizionarti. Attenzione, sono finiti i tempi in cui riempire di parole chiave i contenuti web (= keyword stuffing) permetteva di guadagnare posizioni in Google.

6 consigli per migliorare il tuo posizionamento su Google

Come possiamo migliorare il nostro posizionamento in Google nel 2021? Uno studio della serissima agenzia SearchMetrics analizza i fattori SEO del momento ed è ricchissimo di insegnamenti. Molte agenzie SEO si sono chiesti ultimamente quale sia la migliore strategia SEO da adottare dall’arrivo dell’algoritmo RankBrain, basato su tecniche di intelligenza artificiale, come strutturare efficacemente i propri contenuti e se i social network sono davvero importanti per migliorarne il posizionamento.

Come migliorare il posizionamento organico del tuo sito web?

Anche se è difficile riuscire con regole universali, come gli algoritmi di Google si adattano sempre più in tempo reale. Il denaro da solo non può comprare il rank di Google, ma con un po’ di tempo e strategia puoi migliorare la tua posizione nella pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP) senza spendere un centesimo. Ecco 6 gratuiti per migliorare il tuo ranking di ricerca su Google.

Pensa alla pertinenza del contenuto

Ora, i risultati di Google sono sempre più influenzati dal contesto. L’azienda di Mountain View utilizza persino i propri dati (da Chrome, Analytics o persino Android) per misurare la soddisfazione degli utenti e fornire loro risultati sempre più rilevanti.

Evoluzione dell’algoritmo di Google secondo Searchmetrics.

Come stabilire una strategia di contenuto rilevante in questo contesto? Innanzitutto secondo Searchmetrics è diventato fondamentale determinare la tipologia di contenuti da pubblicare in base al target prescelto. SearchMetric prende l’esempio di una semplice ricerca di ricette su Google. In questo esempio, non è meglio, piuttosto che pubblicare un lungo testo, scrivere una lista con diversi punti chiave e accompagnare questa lista con un video?

Una volta individuato il tipo di contenuto, è necessario offrire agli utenti di Internet e ai motori di ricerca contenuti cosiddetti “olistici”, ovvero progettati in un approccio “globale” o “integrale”. L’obiettivo qui è rispondere proprio alla domanda dell’internauta tenendo conto della sua reale intenzione: cosa cerca, perché lo cerca e cosa vuole ottenere come informazione dalla sua richiesta?

La risposta a queste domande deve consentire di adattarsi meglio alla richiesta dell’utente di Internet tenendo conto di tutte le questioni che possono sorgere attraverso la sua richiesta.

L’analisi delle intenzioni degli utenti può essere un compito noioso, soprattutto quando devi produrre molti contenuti. Su una determinata parola chiave, la piattaforma Semji esegue un’analisi della SERP (pagina dei risultati di Google) e dei contenuti meglio posizionati. Grazie all’intelligenza artificiale , la soluzione sviluppa raccomandazioni SEO per rispondere nel modo più pertinente possibile alle domande e alle esigenze formulate dagli utenti di Internet.

Per arrivare a questo contenuto completo, è necessario raccogliere e strutturare i singoli termini di ricerca in campi semantici più globali, in cui i termini rilevanti relativi allo stesso argomento o ad argomenti simili sono raggruppati in base alle intenzioni di ricerca.

Questo approccio globale , semanticamente attraente e che si basa su testi di qualità, non dovrebbe solo consentire di leggere testi sempre più condivisi sui social network ma dovrebbe anche consentire di posizionarsi bene in Google su molte query. stesso tempo . I lunghi treni realizzati, che contengono più di tre parole chiave, offriranno un volume di ricerca inferiore ma consentiranno una risposta più precisa alle domande degli internauti e quindi potenzialmente consentire l’arrivo di un pubblico più qualificato.

Per conoscere queste query, puoi utilizzare strumenti per le parole chiave come “Rispondi al pubblico “, che estrae i suggerimenti di Google associandoli a domande o preposizioni più spesso digitate su Google.

Estratto dei suggerimenti offerti dallo strumento “Answerthepublic”. @ Rispondi al pubblico.

In che modo Searchmetrics è giunto a questa conclusione? L’agenzia ha iniziato con lo studio dei siti statunitensi meglio posizionati:

  • Non sorprende che gli URL con contenuti ritenuti più rilevanti occupino i posti da 3 a 6 della Top 10 della classifica di Searchmetrics, i primi due posti sono riservati ai siti dei marchi che beneficiano della loro notorietà e popolarità.
  • Inoltre, possiamo vedere che il contenuto si sta allungando, 1633 parole per i computer desktop e 1222 parole per i telefoni cellulari . Sembra che la spiegazione derivi dalla produzione di questo approccio olistico e globale di cui sopra, la quota dei siti meglio posizionati. Possiamo anche aggiungere che un articolo ben sviluppato, lavorato e illustrato ottiene generalmente un numero maggiore di condivisioni e di backlink naturali, che ne aiuta il posizionamento, quindi un effetto circolo virtuoso SEO.
  • Le parole chiave sono, rispetto allo scorso anno, meno presenti nei contenuti, nel titolo, nell’H1, nell’H2 delle pagine collocate nella Top 20 della classifica.

Proteggi il sito web utilizzando HTTPS

Per i siti con scambio di password e dati della carta di credito, il passaggio alla connessione HTTPS sicura è obbligatorio. Dal 2017, il browser Chrome 56 contrassegna anche le pagine di accesso HTTP come “non sicure” . Oggi, più della metà delle prime 10 pagine utilizza attualmente la connessione HTTPS.

I siti ottimizzati per i dispositivi mobili sono essenziali

Attualmente, secondo lo studio SearchMetrics, il 100% dei siti inseriti nella top 100 è compatibile con i dispositivi mobili (reattivo, sito dedicato, servizio dinamico). Il mobile ha preso un tale peso che Google si prepara a lanciare il “mobile first index”: fino ad ora Googe ha preso in considerazione le pagine “desktop” per indicizzare le sue pagine, Google terrà conto del contenuto delle pagine mobile, per stabilire il suo indice.

Per consentire una buona esperienza utente su mobile, devi trovare un buon equilibrio tra contenuti ricchi (con immagini, video, ecc.) e velocità di caricamento della pagina. Ti consigliamo di utilizzare il sito GTmetrix che centralizza i punteggi di Google Pagespeed e Yahoo YSlow e che dà suggerimenti per migliorare i due siti con la possibilità di generare un video per visualizzare secondo dopo secondo la visualizzazione del sito.

Segnali social importanti

Lo studio Searchmetrics mostra che i segnali social sono particolarmente presenti per i siti che si trovano nei primi 2 posti della classifica. Questa importanza poi svanisce rapidamente (soprattutto per Twitter). Ciò si spiega con il fatto che il primo posto della classifica viene generalmente attribuito ai brand che beneficiano della loro notorietà sui social network. La correlazione tra segnali sociali e ranking è forte. Come ben saprai, correlazione non significa necessariamente causalità, quindi l’unica certezza che abbiamo è che rispetto allo scorso anno il numero di condivisioni e like dei siti più quotati è aumentato. È chiaro che i brand stanno lavorando e migliorando ancora di più la propria immagine sui social network.

Confronto tra il 2016 e il 2015 del numero di segnali social di Facebook sui siti rispetto al loro posizionamento in Google.

Migliora l’esperienza dell’utente

Se sono un po’ meno numerosi nei siti studiati rispetto a due anni fa, lo studio Searchmetrics continua a fare dei link interni un elemento essenziale per un buon posizionamento. I collegamenti interni consentono agli utenti di Internet e ai motori di ricerca di comprendere ed esplorare meglio la struttura del sito. È quindi più che mai utile avere un’architettura del sito ben congegnata, per migliorare l’esperienza dell’utente. Un altro consiglio, sempre per sviluppare la user experience, per avere pagine che si caricano velocemente e si leggono su tutti i media. Tempo di caricamento delle prime 10 pagine tra 7 e 8 secondi. Google consiglia un tempo di caricamento di 3-4 secondi.

La correlazione rimane importante per i backlink

Lo studio mette in evidenza la correlazione ancora evidente tra la presenza di backlink e un buon posizionamento in Google. I siti statunitensi meglio posizionati studiati in Google sono quindi quelli con il maggior numero di backlink.

Nonostante questa forte correlazione, sembra che i backlink stiano perdendo la loro importanza. Questa diminuzione può essere spiegata dall’aumento del traffico mobile. I cellulari, infatti, per loro stessa natura non sono adatti a creare collegamenti “classici” quando sono ampiamente utilizzati per condividere un articolo sui social network.

Limitato alla versione USA dei siti e basato sulla correlazione, ovvero il riscontro di un fatto senza analisi della causa diretta di questo fatto, questo studio va preso con il necessario pensiero critico SEO; prendilo per quello che è, uno studio sui Big Data basato su statistiche di correlazione . Per quanto riguarda i backlink, dobbiamo ricordare la recente dichiarazione di Andrey Lipattsev, Google Search Quality Senior Strategist sull’importanza dei link per Google. Questi rimangono essenziali nei fattori del buon posizionamento di Google. Contenuti completi e pertinenti senza backlink o con backlink di bassa qualità difficilmente emergeranno dai SERPS (risultati dei motori di ricerca).

Tuttavia, questo studio è ancora ricco di insegnamenti. Dimostra, se necessario, che è necessario rispondere in modo sempre più preciso alle aspettative degli utenti di Internet, offrendo loro l’esperienza utente di maggior successo per migliorare il proprio posizionamento su Google .

Questo articolo è stato scritto con l’aiuto dei nostri esperti SEO. In Semji, facciamo tutto il possibile per aiutarti a migliorare le prestazioni dei tuoi contenuti. Puoi testare gratuitamente una delle nostre offerte o contattarci per discutere le tue esigenze. Il nostro team ti consiglierà sulle funzionalità di Semji e può aiutarti nell’implementazione della tua strategia di contenuto.

Share your love

Leave a Reply