Come aggiungere Google Analytics 4 a WordPress

L'inserimento di Google Analytics in WordPress è un processo essenziale e direi naturale per monitorare le metriche del tuo sito web.

Come aggiungere Google Analytics 4 a WordPress e cos’è Google Analytics 4?

Google ha grandi speranze per la sua versione 4 di Google Analytics. In effetti, lo chiama “la prossima generazione di Google Analytics” – le loro stesse parole. A dir poco, Google Analytics 4 è (sarà) un grosso problema! Probabilmente è una buona idea non perdere il carrozzone e imparare come aggiungere Google Analytics 4 a WordPress oggi.

In questa guida ti diremo cos’è Google Analytics 4 e in che modo è diverso dalla precedente edizione di Google Analytics, chiamata Universal Analytics. Quindi, ti mostreremo come abilitarlo sul tuo sito Web WordPress.

Google Analytics 4 – che cos’è

Google Analytics sembra un prodotto che ha funzionato perfettamente e probabilmente era già abbastanza complicato, giusto? Chi ha bisogno di una nuova versione?! ️

Per farla breve, v4 è la risposta di Google alla crescente popolarità dei dispositivi mobili e alla necessità di un modo più flessibile di raccogliere dati.

Il modo in cui le cose funzionavano con Universal Analytics (UA) avveniva tutto intorno alle visualizzazioni di pagina . GA4, invece, si basa sugli eventi . Inoltre, con questa nuova versione di Google Analytics, puoi monitorare non solo un sito web ma anche un’app che potresti avere accanto al tuo sito web.

Oltre a ciò, Google Analytics 4 ha anche una nuova svolta sui rapporti e sull’aspetto dei rapporti. Tra questi: un nuovo home report, un report in tempo reale, un report sui giochi, un report sulla monetizzazione e altro ancora.

Nel complesso, Google Analytics 4 è il prossimo passo per l’analisi: una soluzione più moderna e ottimizzata.

Tuttavia, ci sono alcune limitazioni di Google Analytics 4 di cui essere a conoscenza. Principalmente, GA4 non si connette ancora alla Search Console (o ad altri prodotti Google) e non è possibile il monitoraggio interdominio. Se stai utilizzando WooCommerce, anche il monitoraggio delle metriche di vendita (come le conversioni) non funziona (ancora).

“Perderò il mio attuale pannello di Google Analytics dopo il passaggio?”

La buona notizia è che a questo punto non devi perderci il sonno. In questa fase iniziale dell’adozione di Google Analytics 4, puoi eseguire sia Universal Analytics che Google Analytics 4 contemporaneamente.

Come iniziare con Google Analytics 4

Il modo consigliato per configurare il tuo sito con Google Analytics 4 è eseguirlo insieme a UA.

Giusto per sottolineare ancora una volta, nella configurazione consigliata, eseguirai sia UA che GA4 contemporaneamente, almeno per ora. Man mano che GA4 matura, potremmo vedere UA scomparire, ma non siamo ancora a questo punto.

Ecco come configurare Google Analytics 4 e poi integrarlo con il tuo sito Web WordPress:

Iscriviti a Google Analytics

Il primo passo è creare un nuovo account Google Analytics e creare una proprietà standard – UA – per il tuo sito web.

Per iniziare, vai su analytics.google.com e accedi al tuo account Google (quello che usi per Gmail).

Vedrai la schermata principale di benvenuto:

pagina di benvenuto Google Analytics

Google Analytics ti inviterà a iniziare. Il processo di creazione dell’account non è troppo complicato, ma dovrai passare attraverso un paio di moduli.

Crea una proprietà UA

Dopo aver configurato l’account, è il momento di aggiungere una “proprietà”. Una proprietà è il termine di fantasia di Google Analytics per il sito web che desideri monitorare.

Dal pannello di amministrazione di Google Analytics, fai clic su + Crea proprietà per iniziare.

Ancora una volta, in questa fase, Google Analytics ti chiederà alcuni dettagli necessari sul tuo sito. La parte importante è fare clic sul pulsante Mostra opzioni avanzate e quindi abilitare UA cambiando questo pulsante di attivazione:

Dopo aver compilato tutte le informazioni richieste, fai clic su Crea .

Dopo un paio di secondi, dovresti vedere una schermata di conferma. Qui è dove otterrai il tuo ID di monitoraggio univoco e lo snippet del codice di monitoraggio che puoi utilizzare per integrare il tuo sito con Google Analytics in un secondo momento.

Aggiungi una proprietà di Google Analytics 4

Con la tua proprietà UA viva e vegeta, aggiungiamo ora una proprietà GA4 a fianco.

Fortunatamente, Google Analytics lo rende davvero facile con l’ assistente di installazione ufficiale di GA4 . Per accedervi, vai alla sezione Admin della tua proprietà attuale – trova il link nell’angolo in basso a sinistra dell’interfaccia GA:

Nella colonna Proprietà è presente un collegamento denominato GA4 Setup Assistant . Fare clic su di esso per iniziare.

La procedura guidata sullo schermo ti guiderà attraverso i passaggi necessari. È tutto molto chiaro.

Fare clic su Inizia per creare una nuova proprietà. L’intero processo consiste in un solo passaggio. Ti manca letteralmente un clic per avere la tua nuova proprietà Google Analytics 4 attiva e funzionante.

Da questa schermata, fai clic sul pulsante con l’etichetta Visualizza la tua proprietà GA4 . Questo ti porterà a una schermata introduttiva in cui sarai in grado di ottenere il tag globale del tuo sito, un pezzo di codice utilizzato per integrare il tuo sito con Google Analytics.

Fare clic su Installazione tag per iniziare.

Il tuo flusso di dati web principale dovrebbe essere presente nell’elenco.

Questa pagina contiene tutte le informazioni necessarie per integrare il tuo sito WordPress con Google Analytics 4. Il dato più importante è il tuo ID di misurazione .

Per ottenere il codice di incorporamento GA4 , espandi la sezione denominata Global Site Tag (gtag.js) :

Puoi copiarlo e incollarlo da qualche parte a portata di mano.

Come incorporare il tuo codice GA4 in WordPress

Inserire Google Analytics in un tema WordPress è più laborioso dell’installazione tramite plugin, ma perché non installare un plugin per questo, in modo da evitare di installare plugin (più plugin si installano, più lungo è il tempo di caricamento del sito). Dobbiamo modificare il file header.php del tema attivo, quindi si consiglia di eseguire il backup di questo file. Inoltre, se sono presenti sottotemi, si consiglia di modificare il file header.php dei sottotemi.

Share your love

Leave a Reply